Piatti tipici di Pasqua a Valencia e dove provarli

    Piatti tipici di Pasqua a Valencia e dove provarli

    21/03/22 13.43

    La Settimana Santa Marinara dei Poblados Marítimos di Valencia è un vero spettacolo: strade piene di confratelli che festeggiano, a pochi metri dal Mediterraneo, processioni e eventi nel modo più solenne creando un ambiente magico.

    Se volete vivere questa atmosfera in prima persona, andate al Cabanyal, a Canyamelar o a El Grao, i tre quartieri a due passi dal mare, che più passione mettono nelle tradizioni della Settimana Santa.

    Il suono assordante dei tamburi e dei corni che inondano le strade, i balconi decorati per l’occasione con i classici arazzi e le immagini religiose appese alle facciate...

    E i profumi...

    I profumi sono quelli delle preparazioni tipiche della Settimana Santa, che arrivano dalle finestre delle case come nei paesini.

    Piatti che combinano legumi, baccalà, tonno e altri ingredienti quasi sempre fedeli alla tradizione cristiana di non mangiare carne in Quaresima e il venerdì Santo.

    Ma queste ricette dolci e salate non si fermano ai Poblados Marítimos di Valencia, le classiche prelibatezze della Settimana Santa e di Pasqua si vedono in tutta la città, nei ristoranti, nei mercati, nelle pasticcerie e nei panifici.

    Ecco un escursus dei piatti tipici per farvi provare tutti i sapori della Settimana Santa di Valencia.

    Sono piatti assolutamente da provare durante la Settimana Santa e a Pasqua è un viaggio nel tempo, una visita ai sapori propri alle vacanze di una volta, dell’identità di ogni paese.

    Iniziamo il viaggio?

    Top 10 dei piatti della Settimana Santa a Valencia e dove mangiarli

    Vi presentiamo i piatti forti della gastronomia valenciana che si portano a tavola ogni anno per Pasqua e i luoghi dove li potete trovare.

    Andiamo.

    #1 Croquetas de bacalao

    Crocchette di baccalà. Possiamo dire che è la tapa principale delle Settimana Santa valenciana. Tanto che, fortunatamente, si sono guadagnate un posto meritato nei menù dei ristoranti tutto l'anno.

    Si possono trovare come buñuelos, albóndigas de bacalao o mandonguilles d’abaetxo, in valenciano. (Frittelle e polpette).

    Questa fantasia di crocchette a base di patate e merluzzo con un po' di aglio e prezzemolo ha di solito una consistenza spugnosa all'interno, mentre la parte esterna è leggermente croccante.

    Per gustarle nella loro migliore versione, andate al ristorante Pelayo Gastro Trinquet, situato accanto all'unico trinquete (sferisterio) di palla valenciana rimasto in città, o alla Casa Montaña al Cabanyal, all'accogliente Sucar, a Sagardi Cocineros Vascos, o da Orio...

    Ci sono altri bar/ristoranti degni di nota: La Alegría de la Huerta alla Malvarrosa Meraki Beach & Sky Restaurant sulla spiaggia della Pobla de Farnals, La Marítima al Veles e Vents, La Mozaira a Alboraya, il Tridente del Hotel Neptuno, La Cuadra e il tradizionale Casa Quiquet, dove ne troverete di deliziose.

    Merluzzo Mandonguilles Destino Puerto Valencia

    #2 Escabeche de sardina

    Sardine in scapece, la scapece è sempre un’ottima scelta, ma durante la Settimana Santa è perfetta per farla in anticipo, dato che sono sempre giorni di trambusto nelle case. Ed è così buona che molti la cucinano tutto l’anno.

    Quella di sardine è un piatto tipico di queste feste e per questo è a base di pesce.

    Dove provarla?

    Da Bodega Casa Montaña al Cabanyal la preparano in modo delizioso e le servono anche da Sucar.

    Sardine in salsa sottaceto Casa Montaña Valencia

    #3 Habas tiernas con chipirones

    È tempo di fave, quindi... Fave con calamaretti, un modo per evitare la carne ma creare un piatto delizioso con ciò che la terra fornisce.

    La consistenza di questo piatto è perfetta. In un panino, sul pane tostato o in una cocotte, è un piatto da gustare dal Tridente, al ristorante dell'Hotel Neptuno sul lungomare, e al tradizionale La Càbila..

    E poi ci sono altri ristoranti che hanno reinterpretato il piatto, come Casa Quiquet con le sue fave saltate con funghi biologici.

    #4 Titaina di tollina o tonno

    Se siete di qui, l'avrete provata in mille modi perché è uno di quei piatti che si fa in tutte le case e che si trova tutto l’anno.

    Conosciuto anche come pisto valenciano consiste in un soffritto di pomodoro, peperone rosso e verde con pinoli e condito con aglio, anche se alcuni preferiscono non metterlo e qui arriva la parte veramente speciale: include la tonyina o tollina de sorra, ventresca di tonno salata.

    Come si può immaginare, si può trovare ovunque: Pelayo Gastro Trinquet, Sucar, La Alegría de la Huerta, Meraki Beach & Sky Restaurant, La Mozaira e Tridente lo hanno nel menù.

    E altri come la La Marítima e Sabbia lo servono su una coca (focaccia).

    #5 Los pepitos

    Se c’è qualcosa di veramente tipico a Valencia a Pasqua sono i Pepitos, con la mona di cui vi parleremo fra un po'.

    Ma cos’è un pepito?

    È un panino al quale si toglie da una delle due punte la mollica e si riempie di ventresca di tonno.

    E non finisce qui: si chiude con uno stuzzicadenti per evitare che esca il ripieno, si passa nel latte nell’uovo e si frigge. Siamo sicuri che non vedere l’ora di provarli.

    Andate al Cabanyal: Casa Montaña e La Sastrería.

    Pepito Titaina Casa Montaña Valencia

    #6 Potaje de vigilia

    Il piatto di Quaresima per eccellenza, la minestra della vigilia è la ricetta più tradizionale dei venerdì di quaresima e anche del Venerdì Santo.

    Questa zuppa a base di ceci, baccalà, spinaci, il tutto condito con un uovo sodo tritato, è perfetto per il freddo umido tipico di questa stagione: riscalda il corpo, è nutriente, gustoso e non include carne.

    Per assaporare questa meraviglia dopo un lungo "ciup, ciup" che ne esalta il sapore, il posto migliore dove andare è Casa Montaña, anche se molti ristoranti lo aggiungono ai loro menù speciali della Settimana Santa.

    #7 Sepia con cebolla

    Dopo aver assaggiato le seppie incipollate tipiche della Settimana Santa e della Pasqua valenciana, il vostro concetto di questo cefalopode che siamo abituati a mangiare alla griglia cambierà per sempre.

    Si tratta di seppie cucinate con la cipolla a fuoco lento con un buon olio d'oliva, alloro, pinoli e un pizzico di paprika fino a quando tutti gli ingredienti si uniscono per formare quasi un tutt'uno.

    La tradizione originale è di mangiarlo in un panino, ma con le patatine fritte è una delizia. Ciò che è chiaro è che avrete bisogno di pane.

    Dove poterla provare nella sua forma più tradizionale? Senza dubbio da Casa Montaña e a La Marítima.

    Seppie con cipolla Casa Montaña Valencia

    #8 Suquet de congrio

    Se siete a Valencia e non avete mai provato il la zuppa di pesce, non sapete cosa vi perdete.

    Questa zuppa, così vicina alla tradizione mediterranea, è una ricetta che richiede molta preparazione e molti ingredienti: pomodoro, aglio, prezzemolo, nocciole tostate schiacciate, patate, pane fritto, brodo di pesce e, durante la Settimana Santa, grongo, sebbene se si fa anche con altri pesci.

    Il risultato è un piatto aromatico e saporito che richiede assolutamente del pane per fare la scarpetta.

    Un buon posto per provarlo è la taverna marinara Destino Puerto, nella Marina Real sulle rive del canale e di fronte al Veles e Vents.

    #9 Bacalao de Cuaresma

    Ormai vi sarete resi conto che il baccalà è un ingrediente essenziale dell'offerta gastronomica tipica della Settimana Santa di Valencia.

    Ed ecco un'altra ricetta che vi riporterà a quel gusto d'altri tempi di cui parlavamo prima: il Baccalà della Quaresima.

    Cosa c'è dentro? Carciofi, salsa di mandorle, aglio, pane tostato e prezzemolo, uova sode per spolverare e ovviamente, baccalà dissalato. Ancora una volta, è essenziale accompagnarlo con del buon pane per la scarpetta di rito.

    Al Destino Puerto lo fanno bene, venite a provarlo e chiedete un cucchiaio, perché non può rimanere nulla di questa salsa nel piatto.

    Quaresima baccalà Destino Puerto Valencia

    #10 Sardina de bota

    Nella lista dei piatti tipici della Settimana Santa valenciana, non può mancare la sardina de bota o sardina xafada a la porta, che significa che la si calpesta con la cerniera della porta.

    Davvero, questa tradizione viene da lontano ed era fatta per fare in modo che le squame e la spina dorsale di questa sardina salata, avvolta in carta da pacchi, si staccassero.

    Sì, i prodotti sotto sale sono un elemento base della gastronomia tradizionale valenciana.

    Non si mangia da sola, si accompagna con peperoni verdi e uova fritte. Pazzesca.

    Potete deliziarvi con questo spettacolare trio a metà mattina, all’ora dell’almuerzo, tradizione tipica di Valencia in molti bar, ma se volete andare sul sicuro, andate al Cremaet, in Avenida del Puerto.

    Coca di sardina di avvio Bar Cremaet Valencia

    I dolci più famosi della Settimana Santa di Valencia

    Non penserete che vi avremmo lasciato senza dolci?

    Assolutamente no, guardate i due dolci di prima qualità che abbiamo a Valencia durante Settimana Santa:

    #1 Torrijas fatte in casa

    Ok, le torrijas non sono solo tipiche della Settimana Santa valenciana, ma sapete che la versione locale non viene immersa nel latte ma nell'horchata prima di essere fritta?

    Ma cosa sono le torrijas? Sono un tipico dolce pasquale fatto con fette di pane bagnate nel latte e immerse nell'uovo sbattuto. Poi si friggono in olio ben caldo fino a doratura.

    Si lasciano raffreddare e si passano in zucchero bianco, cannella e scorza di limone grattata.

    Fin qui tutto bene, ma poi arriviamo noi valenciani e gli diamo il nostro tocco personale immergendo il pane nella nostra bevanda di chufa (zigolo dolce); il risultato è impressionante.

    Ci sono molti ristoranti come Vaqueta che li servono in questa versione o in quella tradizionale al latte, e non solo durante la Settimana Santa; è una di quelle ricette che sono andate oltre il calendario religioso.

    Si possono provare in altri bar o ristoranti come Casa Montaña, Sucar, Canalla Bistro Bar, Doña Petrona, La Alegría de la Huerta, Meraki Beach & Sky Restaurant, La Marítima, La Mozaira, Tridente, Coso del Mar e Mood Food.

    E se volete provare un’ulteriore versione, da La Cuadra le preparano di cremaet e di crema di riso. Buonissime!

    Torrijas Valencia

    #2 Coca de llanda

    Un altro emblema della gastronomia valenciana durante la Settimana Santa e ormai durante tutto l'anno è la coca de llanda (ciambellone), così chiamata perché è preparata in un tradizionale stampo di latta (llanda in valenciano).

    Non c'è ricetta di dolce più deliziosa e facile da fare di questo semplice e versatile ciambellone. A Pasqua, la tradizione dice di mangiarlo immergendolo in una tazza di cioccolato denso o, almeno, come accompagnamento a colazione o a merenda.

    È facile comprare una coca de llanda o coca boba perché la maggior parte dei panifici e delle pasticcerie tradizionali le hanno tutti i giorni.

    E alcuni ristoranti come Meraki Beach & Sky Restaurant, La Mozaira e Tridente la includono nel menù.

    Coca de llanda Valencia

    Altre delizie della Settimana Santa di Valencia

    Questo riassunto delle ricette della Settimana Santa valenciana sta per finire, ma non possiamo lasciarvi senza menzionare due classici tra i classici di questa stagione.

    #1 Longaniza de Pascua

    La longaniza o llonganissa di Pasqua non è un salume qualsiasi: è una salsiccia, lunga e con molte spezie che si fa seccare per essere poi mangiato cruda.

    Non c'è spuntino pasquale che non includa almeno un pezzo di questa prelibatezza: panino in una mano e longaniza nell'altra, è l'immagine della felicità nelle riunioni di Pasqua con gli amici.

    Visitate il Mercato Centrale, quello di Ruzafa, o del Cabanyal o uno qualsiasi degli altri mercati municipali di Valencia, la troverete sicuramente.

    #2 Mona o panou

    Mona, panou o panquemao così chiamiamo questo dolce tipico di Pasqua a Valencia, e probabilmente l'unico che non troverete in altri periodi dell'anno.

    Ereditata dall’epoca araba, questa prelibatezza è un ciambellone fatto di farina, uovo e zucchero che si mangia nei giorni di Pasqua a merenda, dopo il panino con il suo pezzo di longaniza di Pasqua di cui parlavamo prima.

    È rotondo e ha un uovo sodo al centro, anche se negli ultimi anni è stato sostituito da un uovo di cioccolato.

    Se al centro c’è un uovo, sopra anisetta ed è grande per una persona, stiamo parlando della mona de Pascua.

    Scimmia di Pasqua Valencia

    E se è decorato solo con un po' di zucchero, panquemao o panou; in questo caso può essere individuale o da condividere perché si fanno in diverse grandezze.

    Come abbiamo detto prima, la mona si vende solo nei giorni di Pasqua. Sono ovunque: non c'è panetteria, pasticceria o supermercato che si rispetti che non abbia monas con uovo sodo o uovo di cioccolato.

    Il panou è più facile da trovare perché è un prodotto che molti hanno aggiunto alla loro offerta tutto l'anno. Per comprarlo, dovrete cercare le panetterie della città e le bancarelle dei mercati municipali che lo hanno, e ce ne sono molte.

    Panquemado Monpla Valencia

    E siamo arrivati alla fine della nostra lista di piatti tipici di Settimana Santa a Valencia; approfittate della stagione per provarli, immergetevi nell'atmosfera della città, visitate i quartieri più devoti e fate la vostra classifica personale delle ricette pasquali valenciane.

    gastronomia

    Perché Valencia deve essere il vostro prossimo viaggio

    Seguici