L'arte diventa città

    04/06/20 15.55

    València ha un ricco patrimonio artistico. Ma le collezioni depositate nei numerosi musei e i notevoli esempi architettonici convivono con altre manifestazioni plastiche di estrema attualità. A València l'arte diventa una città e prende le sue strade e le sue piazze come una tela a cielo aperto, pronta a raccontare i capitoli più recenti della sua fertile storia. Il quartiere di Ciutat Vella e i quartieri di Russafa e Cabanyal-Canyamelar sono quelli che raccolgono più proposte, anche grazie alle feste in cui l'arte di strada è la spina dorsale: Intramurs, Russafart, VLC Barris en Moviment... Qualche mese fa, grazie al lavoro di alcuni muralisti spagnoli e italiani nel quartiere marittimo per eccellenza, quest'ultimo evento ha dimostrato la capacità di questi creatori di tatuare la pelle della città, modificandola per sempre. Le opere sono visitabili nel triangolo formato tra le vie Espadán 31, Pescadores 20 e Eugenia Viñes 101.

    Vorremmo proporre una visita specifica ma, soprattutto, vi invitiamo a vivere la vostra. Ce ne sono centinaia da scoprire!

     

    L'IVAM come origine

    L'Institut Valencià d'Art Modern (IVAM) è uno dei fiori all'occhiello dell'offerta museale della città. Il nostro percorso inizia alle loro spalle. Un grande murale di Escif presieduto dall'enorme testa di un unicorno ricorda le esigenze della gente del luogo, in un ambiente che rende uguale omaggio alle sculture classiche trovate non lontano e ai graffiti degli studenti dell'istituto più vicino. Insomma, come riconosce l'autore, "un muro dipinto è un muro cancellato, un atto di psico-magica, una crepa nel sistema, un messaggio di speranza che rivela la possibilità di lavorare per un mondo diverso". La carriera di Escif è stata riconosciuta con una mostra al Centre del Carme e con la progettazione della faglia comunale nel 2020, come è successo nel 2019 con il duo PichiAvo.

     

    Murales come squadra e molto impegno

     Appena dietro l'angolo, non fermatevi a camminare lungo la via Marqués de Caro. In pochi metri troverete pezzi di Xolaca, l'uomo con i ritratti impressionanti, in collaborazione con David de Limón e il suo personalissimo ninja nero, che riconoscono entrambi l'opera del Centro Diurno Luisa de Marillac. Poi ci si imbatte nella visione futuristica di come una città si rinnova grazie al lavoro del trio Barbi, Xelon e Bisser.

    Non lasciate ancora questo viale centrale. Andate al numero 18. È un parcheggio pubblico. Non trovi niente? Alzate la testa e vedrete uno dei pezzi caratteristici di Hyuro. Questo murale rende omaggio alla scienziata Jane Jacobs, nell'ambito di un progetto dell'Università Politecnica di València e del Centro delle Naves per onorare in diverse parti della città il contributo delle donne, troppo spesso messe a tacere, al progresso umano.

    Captura-1

     

    Molto più di una semplice pittura

    Continuate ad andare avanti nella València più antica alla ricerca di altri esempi di arte di strada. Qualsiasi lampione, lampione o sezione di muro può essere il punto d'incontro per i creatori in piccolo formato. Perché Ciutat Vella rende onore anche ai designer di adesivi. È il territorio del simpatico cagnolino che si definisce "un bravo ragazzo", di quel muto testimone di quello che succede ad essere "il fotografo" o dell'enigmatica signora dagli occhi multipli.

    Più difficili da contemplare, essendo una forma di espressione più evanescente ma non meno scioccante, sono le proposte del lavoro a maglia urbano, noto anche come bombardamento di filati. Si tratta di una sorta di graffito di lana, in quanto è rivestito con questo tessuto diversi pezzi di arredo urbano come dissuasori o ganci per biciclette che prendono improvvisamente vita. È il caso di Raquel Rodrigo, autrice di quelle che lei chiama azioni "ArquiCostura" che non sono altro che interventi sulle facciate degli edifici. Alcune delle sue creazioni si possono vedere nella Plaza de Lope de Vega o nel ristorante Vaqueta.

    Pichiavo-VV-15475_1024- Foto_Pichiavo

    La nostra fine è il vostro inizio

     Siamo arrivati alla stazione finale del nostro viaggio. I dintorni del mercato di Mossen Sorell. In uno spazio molto ridotto possiamo apprezzare un murale di Erica Il Cane dove un asino viene lanciato con forza dalle lumache o i fotomontaggi a grande formato di Luis Montolio, in cui si salva la dimenticanza a personaggi eccentrici ma essenziali nell'essenza della València urbana. Come quella che racconta dell'ascesa al cielo, sul dorso di una paella gigante, delle vedette Rosita Amores, quella sorta di Venere Valènciana di Willendorf fatta carne (quadrato tra le vie d'en Pina e Puríssima).

    Bisogna ancora scoprire la magia di decine di creatori che continuano il percorso dei classici già appesi in musei come El Equipo Crónica o il Renau di "The American way of life". Ora è il momento della Nena Wapa Wapa Wapa, dell'elegante geometria di Disneylexya, della delicatezza di Giulietta o dell'impatto visivo di Deih. La galleria d'arte Plastic Murs ha rilevato l'importanza di questa effervescente attività ed è diventata un pioniere a València quando si tratta di specializzarsi in tutti i tipi di arte urbana. Nuove creazioni e discipline innovative stanno per arrivare. Ne siamo sicuri. Ora andate là fuori e iniziate a scoprirli!

    Tempo libero

    Perché Valencia deve essere il vostro prossimo viaggio
      Perché Valencia deve essere il vostro prossimo viaggio

      ISCRIVITI AL BLOG!

      Non perdetevi i migliori piani per divertirvi a Valencia.

      Seguici