hemisferic

    6 curiosità della València che dovreste raccontare ai vostri figli

    19/05/20 15.24

     

    Chi di noi ha figli sa già che non è facile far uscire i più piccoli da casa per camminare per ore quando siamo in viaggio. Il trucco è motivarli, e per farlo bisogna conoscere bene una città. Vi renderemo le cose facili e vi racconteremo alcune curiosità su ogni quartiere della València, in modo che possiate incoraggiarli. Se volete anche voi premiarli per la loro pazienza, promettete loro un'horchata con fartons (orzo alle noci tigre con una specialità di pasticceria valenciana), la merenda preferita dai bambini valenciani!    

     

    1. Segreti aperti al Museu de les Ciències 

    Avete intenzione di visitare la Ciutat de les Arts i les Ciències? Sorprendete il vostro bambino e mostrategli come funzionano le onde sonore. Andate alle arcate all'ingresso del Museu de les Ciències, mettetele tutte ad un'estremità e parlate. Anche se si trova a circa 50 metri di distanza, vi sentirete perfettamente senza che nessuno sappia di cosa state parlando! Se camminate verso l'Hemisfèric, troverete l'egoie più ambita di questi tempi: quella delle lettere giganti di Valencia, non potrete resistere! 

     
    2.Un fiume senza acqua nel giardino del Turia 

     Facciamo impazzire i nostri visitatori quando diamo loro indicazioni per un'attrazione turistica. Che se si va dall'altra parte del fiume, se si attraversa il fiume si trova... Noi continuiamo a chiamare quello che non è più un fiume e loro cercano l'acqua dove non ce n'è più. La storia migliore da raccontare ai vostri figli se fate una passeggiata nel Jardín del Turia è quella che racconta come si è deciso di trasformarlo nel vero polmone verde della città.   Dopo le inondazioni del 1957, si decise di deviare il fiume a sud della città. Ma la questione rimaneva il problema di cosa fare della restante terra deserta. Una delle proposte era quella di costruire un'autostrada a 12 corsie che attraversasse la città, un progetto che si può vedere nel Museo di Storia de ValènciaFortunatamente, la pressione del quartiere ha fatto sì che questa idea venisse abbandonata a favore della trasformazione del vecchio alveo del fiume in un'area giardino che avrebbe iniziato a svilupparsi negli anni '80, con l'intervento dell'architetto Ricardo Bofill nella prima delle sezioni che furono costruite, accanto al Palau de la Música. Provate a far indovinare ai vostri figli la lunghezza totale del nostro "fiume". E tu, sai quanto dura? La risposta è alla fine di questo post. 

     
    3. I fiori che hanno dato il loro nome alla Spiaggia della Malvarosa  

    Ci sono molte leggende sul nome della Spiaggia della Malvarosa. Che il mare diventa viola all'alba, che una vecchia cartiera tingeva l'acqua di quel colore... ma l'origine storica e reale risale al 1856, quando il Cabanyal era una zona paludosa, ve lo immaginate? Il botanico francese Jean Félix Robillard Closier, che all'epoca lavorava nel nostro spettacolare giardino botanico, trasformò un'area paludosa in fertili frutteti di fiori comunemente noti come malvarose (alcea rosea), utilizzandoli per creare oli essenziali in una fabbrica da lui allestita vicino ai campi. 

     
    4.Un'epidemia che è stata curata dall'Ensanche 

    Non fu il coronavirus, ma il colera a colpire la provincia di València nella seconda metà del XIX secolo. Fu una delle epidemie che raggiunsero la penisola attraverso i marinai che attraccavano nei porti spagnoli da altri paesi. All'epoca, e stiamo parlando del 1885, il medico catalano Jaime Ferran studiava il trattamento del colera con grandi progressi, così fu chiamato a València dalle autorità locali per cercare di mitigare la diffusione della malattia.   Si stabilì in una casa nell'Ensanche per continuare le sue ricerche. E fu lì, in una cucina allestita come un rudimentale laboratorio, che scoprì il vaccino contro la malattia. Quindi, se si cammina nel quartiere Ensanche, si può andare al numero 22 in Calle Pascual y Genís. Sulla facciata troverete una targa scolpita con il busto del dottor Jaime Ferrán, la scusa perfetta per chiedere ai vostri figli: sapete perché quest'uomo è diventato famoso? 

     
    5. Un regalo a forma di signora blu 

    Se vi fermate o passeggiate per il Palacio de Congresos, avrete il dono più grande che probabilmente avete mai visto.  Un regalo alla città di València grazie al patrocinio di alcune aziende private e alla mano dell'artista Manolo Valdés. Si tratta di una scultura alta 18 metri ispirata alla Dama de Elche, una figura iberica in pietra calcarea che oggi è conservata nel Museo Archeologico Nazionale di Madrid. Quella qui, chiamata la Signora Iberica, è composta da 22.000 miniature di appena 20 centimetri della scultura che si può vedere e che dal 2007 si trova nella rotonda dell'Avenida de Cortes Valencianas. 

     

    Un'altra opera di Valdés si può vedere nella Marina de València, dove è esposta la scultura La Pamela, un'enorme testa femminile che si protegge dal sole del Mediterraneo coprendosi con un cappellino. Questa elegante signora ha raggiunto il lato più marittimo della città grazie alla Fondazione Hortensia Herrero e fa parte di una serie di busti giganti ispirati a Henri Matisse a cui Valdés ha aggiunto oggetti di uso quotidiano. 

     
    6. Le mille e una storia del centro 

    Quando si tratta di passeggiare nel centro storico, è facile intrattenere i bambini. Potresti avere dei fumetti per il resto della prigionia! Una delle leggende più conosciute della València è quella del drago del Patriarca. Sembra che nel frutteto della València ci fosse un alligatore che spaventava i suoi abitanti. Nessuno è riuscito a liberarsene, ma un prigioniero ne ha chiesto la libertà in cambio della macellazione dell'animale. Disegnò una serie di specchi, armato di lancia, andò a cercarla e l'animale, vedendosi riflesso negli specchi e credendo di vedere dei mostri, si spaventò, si stordì e il prigioniero riuscì ad ucciderlo. Non potrete vederlo ora, ma sarà un'escursione ideale con i bambini per quando potranno riaprire i monumenti della città. 

     

    Termineremo la nostra passeggiata presso la Casa de los Gatos (Casa dei Gatti), una casa in miniatura situata al numero 9 della via del Museo. Guardate bene: le tende alle finestre, l'ingresso principale, la fontana vicino alla porta... non manca nessun dettaglio! Fino all'iscrizione del suo autore, in memoria dell'entrata in città di El Cid nel 1904, dopo un lungo assedio durante il quale "quattro gatti" (in spagnolo, "cuatro gatos", che significa: pochissimi) sono rimasti in quello che oggi è il Barrio del Carmen. E un'altra curiosità. Se si guarda la casa dal davanti, si vede una piastrella con il segno della provenienza dell'ultima inondazione della città, nel 1957. Così potete continuare la passeggiata con la storia della trasformazione del letto del fiume Turia che vi abbiamo raccontato prima. 

    PS: Il giardino del Turia è lungo 9 chilometri, giusto? 

    Con i bambini, Tempo libero

    Perché Valencia deve essere il vostro prossimo viaggio

    Seguici